Skip to main content
Welcome to Nuveen
Select your preferred site so we can tailor your experience.
Select Region...
  • Americas
  • Asia Pacific
  • Europe, Middle East, Africa
location select
Select Location...
  • Canada
  • Latin America
  • United States
  • Australia
  • Hong Kong
  • Japan
  • Mainland China
  • Malaysia
  • New Zealand
  • Singapore
  • South Korea
  • Taiwan
  • Thailand
  • Other
  • Austria
  • Belgium
  • Denmark
  • Finland
  • France
  • Germany
  • Ireland
  • Italy
  • Luxembourg
  • Middle East
  • Netherlands
  • Norway
  • Spain
  • Sweden
  • Switzerland
  • United Kingdom
  • Other
location select
Institutional Investor
  • Institutional Investor
  • Individual Investor
  • Financial Professional
  • Global Cities REIT (GCREIT)
  • Green Capital
  • Private Capital Income Fund (PCAP)
location select
EQuilibrium

Implicazioni dei tassi più alti più a lungo per le assicurazioni

Forme astratte e nuvole

Oltre 220 compagnie assicurative a livello globale (insieme a quasi 580 altri investitori istituzionali) condividono le loro opinioni nel nostro ultimo sondaggio annuale sugli investitori istituzionali, EQuilibrium. 

Opinioni sul contesto macroeconomico, strategie di asset allocation, sostenibilità e transizione energetica, l'analisi rivela nuovi spunti su come le compagnie assicurative gestiscono oltre 5.700 miliardi di dollari. 

Nel 2024 si delineano tre chiare tendenze: i cambiamenti nell'asset allocation sono più tattici che strategici, la domanda di prodotti alternativi continua a crescere e gli investimenti in sostenibilità si concentrano sull'azione, non sulle chiacchiere. 

1. Cambiamenti nell'asset allocation tattici piuttosto che strategici

Solo una compagnia assicurativa su cinque (21%) sta apportando modifiche sostanziali all'asset allocation strategica, una percentuale di gran lunga inferiore a quella di quasi un terzo (31%) che lo faceva nel nostro studio del 2023. Nel 2024, un numero maggiore (32%) apporterà modifiche significative alle allocazioni tattiche. 

Scavando più a fondo nei dati, vediamo che questi cambiamenti sono al margine. Le assicurazioni sembrano essersi adattate al contesto di tassi più elevati con grandi spostamenti di portafoglio nel 2023. Ora, stanno sfruttando le opportunità di aumentare la qualità, di bloccare i tassi fissi più alti, di estendere la durata e di aggiungere un po' più di liquidità con gli investimenti pubblici. 

Quasi la metà (47%) sta aggiungendo obbligazioni pubbliche investment-grade, mentre il 30% sta riducendo le obbligazioni pubbliche below-investment grade. Le obbligazioni societarie e governative sono la scelta migliore tra gli investment grade pubblici, mentre il debito privato per le infrastrutture è al primo posto tra i redditi fissi privati. 
Grafico: In che modo gli assicuratori stanno spostando le allocazioni nel reddito fisso nei prossimi due anni?

2. Continua a crescere la domanda di investimenti alternativi 

Anche dopo l'impennata dei tassi di interesse dello scorso anno, la domanda di alternativi rimane forte. Un numero maggiore di assicurazioni sta incrementando le allocazioni in tutti i sottosettori, tra cui infrastrutture private, credito privato e private equity come scelte principali. 

Dai dati dell'indagine emerge un calo su base annua rispetto agli elevati livelli di domanda del 2023, anche se la tendenza a lungo termine è in crescita. I dati del 2023 riflettono probabilmente la percentuale più elevata di assicurazioni che hanno apportato modifiche strategiche significative all'allocazione in risposta alla rapida variazione dei tassi. In vista del 2024, con un contesto di tassi relativamente più stabili, l'attenzione si concentra maggiormente sui sottili aggiustamenti dell'asset allocation menzionati in precedenza. 

Nel corso del 2023, alcune compagnie assicurative hanno avuto difficoltà a impiegare tutto il capitale che volevano nell'ambito delle infrastrutture. TIAA, capogruppo di Nuveen, ha vissuto la stessa esperienza. La ricerca di valore legata agli investimenti infrastrutturali è uno dei motivi per cui ora c'è un focus maggiore sulle infrastrutture energetiche di transizione rispetto al passato. 

Grafico: piani di allocazione tra classi di attività alternative

3. L'azione, non la parola, è al centro dell'investimento sostenibile

Nel 2023, il 91% delle assicurazioni a livello globale ha dichiarato di considerare o prevedere di considerare i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle decisioni di investimento. Nel 2024, la percentuale è scesa leggermente arrivando all'86%.

Alcuni compagnie assicurative nordamericane si sono tirate indietro. L'Europa, tuttavia, continua a essere leader in termini di sostenibilità - riconoscendo il rischio climatico, assumendo impegni net zero, investendo nell'impatto e nella transizione energetica - e le assicurazioni dell'Asia-Pacifico non sono molto distanti. 

Se si guarda alla destinazione dei fondi, gli investimenti per la transizione energetica suscitano interesse in tutte e tre le regioni. Questo ci dice che, a livello globale, le assicurazioni continuano a perseguire opportunità nel campo della sostenibilità e della transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Questo nonostante la narrazione politica di una riduzione degli impegni ESG e le opinioni di alcuni investitori istituzionali e politici. 

Grafico: in quali aree tematiche gli assicuratori intendono investire?

Per ulteriori approfondimenti su come le compagnie assicurative stanno investendo nel 2024, scarica EQuilibrium. 

 

Scopri ulteriori approfondimenti per le assicurazioni

Contattaci
Back to Top Icon