Skip to main content
Welcome to Nuveen
Select your preferred site so we can tailor your experience.
Select Region...
  • Americas
  • Asia Pacific
  • Europe, Middle East, Africa
location select
Select Location...
  • Canada
  • Latin America
  • United States
  • Australia
  • Hong Kong
  • Japan
  • Mainland China
  • Malaysia
  • New Zealand
  • Singapore
  • South Korea
  • Taiwan
  • Thailand
  • Other
  • Austria
  • Belgium
  • Denmark
  • Finland
  • France
  • Germany
  • Ireland
  • Italy
  • Luxembourg
  • Middle East
  • Netherlands
  • Norway
  • Spain
  • Sweden
  • Switzerland
  • United Kingdom
  • Other
location select
Institutional Investor
  • Institutional Investor
  • Individual Investor
  • Financial Professional
  • Global Cities REIT (GCREIT)
  • Green Capital
  • Private Capital Income Fund (PCAP)
location select
Alternativi

Lo smart working ha trasformato gli uffici

Illustrazione di una scrivania con piccoli grattacieli

Gli investitori mostrano numerose preoccupazioni relativamente al mercato degli spazi a uso ufficio. Tuttavia, il quadro non è così cupo come alcuni potrebbero pensare. Il mercato delle superfici a uso ufficio presenta un andamento diverso a seconda delle regioni. Inoltre, anche nei paesi in cui gli uffici hanno maggiormente sofferto, alcuni segmenti di mercato continuano a registrare ricavi solidi. Tuttavia questo è comunque il segmento di mercato immobiliare nei cui confronti è corretto che gli investitori siano prudenti, considerando le tendenze in atto a livello globale che stanno drasticamente trasformando i luoghi di lavoro.

1. Il lavoro è sempre più “smart”

La pandemia ha avuto un forte impatto sull’occupazione. Tra i cambiamenti che ha comportato, c’è l’aumentata incidenza del lavoro da remoto. Tuttavia, in generale i lavoratori asiatici ed europei sono tornati in ufficio a un ritmo più rapido rispetto ai colleghi americani.

Una maggiore propensione culturale nei confronti delle interazioni di persona e il team building hanno favorito il lavoro in presenza nella regione APAC. Inoltre, le dimensioni ristrette degli spazi abitativi nei principali centri lavorativi della regione APAC e dell’Europa hanno fatto sì che i lavoratori fossero più propensi a rientrare in ufficio. Infine, trasporti pubblici di qualità eccellente consentono di ridurre tempistiche e costi del pendolarismo.

La situazione negli Stati Uniti è diversa, in parte perché i lavoratori preferiscono gli spostamenti in auto, dovendo però fare i conti con infrastrutture obsolete per i tragitti lunghi. Le abitazioni di dimensioni maggiori rendono più confortevole lavorare da casa e gli impiegati sono riluttanti a rinunciare alla flessibilità offerta dallo smart working.

IN APAC SI REGISTRA LA PIU' ALTA PERCENTUALE DI PRESENZA IN UFFICIO

2. I contratti di locazione in essere da prima della pandemia sono in scadenza

La durata media di un contratto di locazione per un ufficio sui vari mercati e tenendo conto delle diverse tipologie di contratto (cioè, contratti di locazione nuovi rispetto ai rinnovi) è di circa 7 anni.1 Data la natura a lungo termine dei contratti di locazione per gli uffici, molti contratti attivi sono stati sottoscritti prima della pandemia. Le aziende che li hanno stipulati non hanno avuto la possibilità di assumere decisioni per l’occupazione degli spazi con la piena consapevolezza del nuovo contesto ibrido.

D’altro canto, si stima che il 50% dei contratti di locazione in essere da prima della pandemia sia scaduto, perfettamente in linea con le perdite di domanda registrate finora. Ciò suggerisce che la tendenza si muove di pari passo col previsto calo del fabbisogno di spazi.

3. Stati Uniti: eccesso di offerta

Anche con l’espansione della forza lavoro che svolge attività fondate sulle conoscenze, tra 10 anni gli USA necessiteranno probabilmente di meno spazi a uso ufficio rispetto a prima della pandemia. Gli attuali proprietari di immobili devono affrontare consistenti rischi a breve termine, tra cui scadenze dei debiti, aumento delle spese in conto capitale e debolezza del quadro delle locazioni. Tali turbolenze dovrebbero stimolare una rivalutazione degli asset in base alle attuali condizioni di mercato e consentire ai nuovi proprietari, con basi di costi più basse, di apportare delle migliorie agli immobili per essere più competitivi.

Infatti, si è affermata la tendenza a prediligere la qualità. Gli immobili obsoleti e privi di ristrutturazioni significative presentano tassi di sfitto più elevati. In genere, non prevedono sufficienti affitti tali da giustificare un investimento significativo e si stanno trasformando in beni inutilizzati. Gli immobili più recenti, costruiti secondo standard moderni, stanno conquistando sempre più quote di mercato

Negli usa cresce la ricerca di spazi di qualità

4. La regione APAC deve affrontare importanti sfide economiche 

Nella regione dell’Asia-Pacifico il tasso di occupazione degli spazi a uso ufficio si è ripreso in molti mercati regionali, e il lavoro in presenza si avvicina all’80% in Giappone, a Hong Kong e in Corea del Sud, contro il 50% di Regno Unito e USA.2

Tuttavia, nel 2024 la crescita economica della regione si sta indebolendo e il colpo inferto al sentiment e alla redditività delle aziende ha frenato la domanda di uffici da parte degli occupanti nel medio termine. Oggi più che mai, gli investitori alla ricerca di rendimenti stabili dovrebbero concentrarsi su edifici di qualità, in una buona posizione, e con solide credenziali in ambito ESG.

5. Europa guidata dall’agenda per lo sviluppo sostenibile

L’efficienza energetica e la decarbonizzazione sono diventate particolarmente importanti per le aziende, accrescendo il divario tra uffici più o meno all’avanguardia. Il lavoro in presenza postpandemia e l’impennata delle bollette energetiche dovuta alla guerra in Ucraina non hanno fatto altro che rafforzare questa tendenza.

Le città europee variano notevolmente in termini di età degli edifici. Si prevede che l’ammodernamento degli spazi alla scadenza dei contratti di locazione svolga un ruolo importante per garantire un’inversione di tendenza all’obsolescenza nei prossimi anni. Inoltre, le migliorie in ambito ambientale giocheranno probabilmente un ruolo fondamentale nell’assicurare nuova linfa al settore.

Stati Uniti: rientro in ufficio, ma per lo più part-time

Negli USA, per scelta o per obbligo, molti impiegati tornano in ufficio, ma le aspettative sono cambiate. I picchi del lavoro in presenza sono a metà settimana, con un tasso di occupazione del 60% circa.3 La maggior parte delle aziende che si avvalgono totalmente dello smart working si sta orientando verso orari ibridi. La presenza fisica in ufficio, anche solo per una parte della settimana, fa sì che i lavoratori vivano e lavorino nella stessa area metropolitana, con conseguenze di vasta portata su tutti i settori e mercati immobiliari. D’altro canto, anche molte società che, in passato, prevedevano che tutte le mansioni fossero svolte esclusivamente in ufficio, si stanno orientando verso modelli ibridi, attenuando così l’impatto complessivo.

Livello di presenza in ufficio richiesta

Gli uffici del domani generano opportunità

Il mercato degli uffici sarà messo alla prova negli anni a venire. Tuttavia, alcuni fattori possono mitigare i venti contrari, compresa la futura crescita occupazionale e una rinnovato e crescente interesse per spazi di lavoro moderni e flessibili, con dotazioni che favoriscano la creatività ed una più efficace collaborazione tra le persone. Un’attenta selezione degli immobili supportata da solide ricerche di mercato e attenti piani di sviluppo aziendali potrebbero generare opportunità. Indipendentemente dall’area geografica, gli investitori dovrebbero prediligere immobili sostenibili sempre più orientati al benessere e all’inclusione.

In questo numero
4 considerazioni per chi investe nei mercati privati
Riteniamo che il 2024 possa dare il via a una nuova era “Goldilocks”, caratterizzata da crescita e opportunità per il private capital.
Immobiliare: oltre il mattone, l’innovazione sta guidando il futuro del settore
Sebbene le turbolenze sui mercati proseguiranno per tutto quest’anno, riteniamo che nell’immobiliare continueranno ad esserci selezionate interessanti opportunità d’investimento.
CityWatch: Charlotte, North Carolina
Il nostro team di ricerca ha analizzato più di 4.000 città e ha identificato il 2% che riteniamo sia meglio posizionato per beneficiare dei megatrend globali.
Contattaci

1. Fonte: CompStak, Inc.
2. Fonte: CBRE Group, Inc.
3. Fonte: Barometro Kastle Back to Work, https://www.kastle.com/safetywellness/getting-america-back-to-work/

Questo materiale non è da intendersi come una raccomandazione o una consulenza in materia d’investimento, né costituisce una sollecitazione alla compravendita o alla detenzione di un titolo o di una strategia d’investimento, e non viene fornito a titolo fiduciario. Le informazioni comunicate non tengono conto degli obiettivi o delle circostanze specifici di un particolare investitore, né suggeriscono una particolare linea d’azione. Le decisioni in materia d’investimento devono essere assunte in base agli obiettivi e alle circostanze dell’investitore, che si deve consultare coi suoi professionisti degli investimenti. 

I giudizi e le opinioni espressi sono solo a titolo informativo ed educativo alla data di redazione/scrittura e possono essere modificati senza preavviso, in qualsiasi momento, in base a fattori quali le condizioni di mercato, gli sviluppi legali e normativi e ulteriori rischi e incertezze e potrebbero non realizzarsi. Il presente materiale può contenere informazioni “previsionali”, che non sono di natura puramente storica.

Tali informazioni possono includere, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, proiezioni, previsioni, stime dei rendimenti di mercato e composizione proposta o prevista dei portafogli. Eventuali modifiche alle ipotesi formulate al momento della redazione di questo materiale potrebbero avere un impatto significativo sulle informazioni presentate all’interno di questo documento a titolo esemplificativo.

I risultati passati non sono garanzia di risultati futuri. L’investimento comporta un rischio; è altresì possibile la perdita del capitale investito.

Tutte le informazioni sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma la loro accuratezza non è garantita. Non viene rilasciata alcuna dichiarazione o garanzia circa l’accuratezza, affidabilità o completezza, né si assume alcuna responsabilità per le decisioni basate su tali informazioni e non si dovrebbe fare affidamento su di esse. Per le definizioni dei termini e le descrizioni degli indici, consultare il glossario su nuveen.com. Si tenga presente che non si può investire direttamente in un indice.

Informazioni importanti sul rischio

Tutti gli investimenti comportano un certo grado di rischio e non viene rilasciata alcuna garanzia che un investimento ottenga una performance positiva per un dato periodo di tempo. Gli investimenti azionari comportano dei rischi. Gli investimenti sono altresì soggetti a rischi politici, valutari e normativi. Tali rischi possono essere maggiori sui mercati emergenti. La diversificazione è una tecnica che aiuta a ridurre il rischio. Non viene fornita alcuna garanzia che la diversificazione garantirà una protezione da una perdita di reddito. L’investimento in obbligazioni municipali comporta dei rischi, quali il rischio correlato ai tassi d’interesse, il rischio creditizio e il rischio di mercato, compresa una possibile perdita del capitale. Il valore del portafoglio fluttuerà in base al valore dei titoli sottostanti. Sussistono particolari rischi associati a investimenti in obbligazioni high yield, attività di copertura e potenziale utilizzo della leva finanziaria. I portafogli che includono obbligazioni municipali di rating più basso, comunemente denominate obbligazioni “high yield” o “junk”, considerate speculative, presentano un maggiore rischio creditizio e d’investimento. I rating creditizi sono soggetti a variazione. AAA, AA, A, e BBB sono rating di tipo investment grade; BB, B, CCC/CC/C e D sono rating al di sotto di investment grade. Gli investimenti immobiliari sono soggetti a vari rischi, tra cui fluttuazioni del valore degli immobili, spese più elevate o redditi inferiori a quelli previsti e potenziali problemi e responsabilità ambientali. Si prega di considerare attentamente tutti i rischi prima di investire in una particolare strategia. La concentrazione di un portafoglio nel settore immobiliare lo rende soggetto a maggiori rischi e volatilità rispetto ad altri portafogli più diversificati e il suo valore può essere sostanzialmente influenzato dagli eventi economici del settore immobiliare. Gli investimenti internazionali comportano dei rischi, tra cui quelli legati alle valute estere e alla liquidità limitata (in particolare quando l’attività sottostante è costituita da immobili), alla minore regolamentazione pubblica in alcune giurisdizioni e alla possibilità di una consistente volatilità dovuta a sviluppi politici, economici o di altro tipo.

Questo documento fornisce informazioni fiscali generali. Nuveen non è un consulente fiscale. I clienti dovrebbero incontrarsi coi propri consulenti professionali prima di prendere qualsiasi decisione in materia fiscale o di investimento. Queste informazioni non dovrebbero sostituire il colloquio con un consulente professionista riguardante la propria situazione fiscale. Né Nuveen né le sue affiliate o i rispettivi dipendenti forniscono una consulenza legale o fiscale. Le aliquote fiscali e i regolamenti dell’IRS sono soggetti a modifiche in qualsiasi momento, che potrebbero influenzare sostanzialmente le informazioni fornite nel presente documento.

Nuveen fornisce servizi di consulenza sugli investimenti tramite i suoi specialisti degli investimenti. Le presenti informazioni non costituiscono una ricerca sugli investimenti secondo la definizione della MiFID.

Come asset class, gli asset reali sono meno sviluppati, più illiquidi e meno trasparenti rispetto alle asset class tradizionali. Gli investimenti saranno soggetti ai rischi generalmente associati alla proprietà di beni immobili e agli investimenti all’estero, tra cui le variazioni delle condizioni economiche, i valori valutari, i rischi ambientali, il costo e la capacità di ottenere assicurazioni e i rischi legati alla locazione degli immobili. Gli investimenti immobiliari sono soggetti a vari rischi, tra cui le fluttuazioni del valore degli immobili, spese più elevate o entrate inferiori a quelle previste e potenziali problemi ambientali e responsabilità. Si consiglia di considerare attentamente tutti i rischi prima di investire in una particolare strategia. Una concentrazione del portafoglio nel settore immobiliare lo rende soggetto a maggiori rischi e volatilità rispetto ad altri portafogli più diversificati e il suo valore può essere sostanzialmente influenzato dagli eventi economici del settore immobiliare. Gli investimenti internazionali comportano dei rischi, tra cui quelli legati alla valuta estera, alla liquidità limitata, in particolare quando l’attività sottostante è costituita da immobili, alla minore regolamentazione governativa in alcune giurisdizioni e alla possibilità di una sostanziale volatilità dovuta a sviluppi politici, economici o di altro tipo. Come asset class, gli investimenti agricoli sono meno sviluppati, più illiquidi e meno trasparenti rispetto alle asset class tradizionali. Gli investimenti agricoli saranno soggetti ai rischi generalmente associati alla proprietà di beni immobili, tra cui i cambiamenti delle condizioni economiche, i rischi ambientali, il costo e la capacità di ottenere assicurazioni e i rischi legati alla locazione delle proprietà.

Gli investitori devono essere consapevoli che gli investimenti alternativi, compresi il private equity e il private debt, sono speculativi, soggetti a rischisignificativi , compresi i rischi associati alla liquidità limitata, all’uso della leva finanziaria, alle vendite allo scoperto e alla concentrazione degli investimenti, e possono comportare strutture fiscali e strategie di investimento complesse.

Gli investimenti alternativi possono essere illiquidi, potrebbe non esserci un mercato secondario liquido o acquirenti pronti per tali titoli, potrebbero non essere tenuti a fornire informazioni periodiche sui prezzi o sulle valutazioni agli investitori, potrebbero esserci ritardi nella distribuzione delle informazioni fiscali agli investitori, non sono soggetti agli stessi requisiti normativi di altri tipi di veicoli di investimento in pool e potrebbero essere soggetti a commissioni e spese elevate, che ridurranno i rendimenti. Gli investimenti alternativi non sono adatti a tutti gli investitori e non dovrebbero rappresentare il solo investimento. Gli investitori possono perdere tutto o quasi tutto il capitale investito. I rendimenti storici ottenuti dai veicoli di investimento alternativi non costituiscono una previsione o una garanzia di risultati futuri e non è possibile garantire che rendimenti analoghi saranno ottenuti da qualsiasi strategia.

L’investimento responsabile incorpora fattori di governance sociale e ambientale (ESG) che possono influenzare l’esposizione a emittenti, settori e industrie, limitando il tipo e il numero di opportunità d’investimento disponibili, il che potrebbe comportare l’esclusione di investimenti con buone performance. L’integrazione ESG incorpora fattori ESG finanziariamente rilevanti nella ricerca sugli investimenti a supporto della gestione del portafoglio per le strategie a gestione attiva. La rilevanza finanziaria dei fattori ESG varia a seconda dell’asset class e della strategia d’investimento. L’applicabilità dei fattori ESG può variare a seconda delle strategie di investimento. I fattori ESG sono tra i molti fattori presi in considerazione nella valutazione di una decisione d’investimento e, se non diversamente indicato nel relativo memorandum o prospetto, non modificano le linee guida, la strategia o gli obiettivi d’investimento. Nuveen, LLC fornisce servizi di investimento attraverso i suoi specialisti di investimento. Le presenti informazioni non costituiscono ricerca sugli investimenti secondo la definizione della MiFID.

Back to Top Icon